Santini: Pertini POP

Pubblicato il da Orson

Santini: Pertini POP

Santini

Interessante fenomeno italiano, ma direi globale, per cui chiunque divenuto un caro estinto diventa un padre della patria, un grande uomo, un esempio, ecc. ecc.

Sandro Pertini ha subito questo processo. Si sono riversati sulla rete meme e citazione dello scomparso presidente della repubblica del Partito Socialista. Quanto facevo le elementari Pertini era presidente. Se leggete i giornali di quegli anni le opinioni non erano così splendide sul presidente ex-partigiano, in molti lo consideravano un, scusate il termine, rincoglionito. In quegli anni si portavano le scuole a visitare il Quirinale e alcuni alunni ponevano delle domande. A nove anni posso dire che quell'impressione la dava anche a me. Inoltre quegli anni sono quelli di Bettino Craxi, ve lo ricordate? Lo chiedo perché in questo paese sembra che un anno sia un'era geologica. Questo sono i governi italiani durante il suo settennato: Andreotti V, Cossiga I, Cossiga II, Forlani, Spadolini I, Spadolini II, Fanfani V e Craxi I.
Pertini però è stato il primo presidente davvero pop della nostra storia. Ha avuto un fumetto disegnato da Andrea Pazienza, due imitatori televisivi, ricordato da Toto Cutugno nella canzone L'Italiano e poi ha vinto il campionato mondiale di calcio del 1982. Le immagini più ricorrenti di Pertini sono: l'esultanza durante la finale con la Germania, la partita con Zoff a tresette mentre tornano in Italia e la cena al Quirinale dopo la consegna dei cavalierati all'Italia dell'82. Sembra l'età dell'Innocenza per il nostro paese, ma sono gli anni in cui si stabilizza il CAF (Craxi-Andreotti-Forlani), sono gli anni del Pentapartito, anni in cui non c'era il PD nè Berlusconi. Pertini è stato Pop come nessun altro presidente.

Commenta il post